Home » Notizie » In difesa della governante di Calamandrei. Ernesto Rossi, mercato del lavoro e liberta`

In difesa della governante di Calamandrei. Ernesto Rossi, mercato del lavoro e liberta`

La nuova pubblicazione a cura di Gianmarco Pondrano Altavilla

di Fondazione Salvemini Rossi | 2 maggio 2017

Nella prospettiva di Ernesto Rossi, il tema del “lavoro” è sempre stato centrale. L’inquadramento teorico del lavoro stesso (la risposta alla domanda “che cos’è, o meglio, cosa rappresenta il lavoro?”) è uno dei campi di battaglia privilegiati dello scontro tra Rossi e i sostenitori di quelle dottrine che mirano a sopprimere la libertà in nome di valori “altri”.

Gli scritti di Rossi riproposti in questo libro hanno come bersaglio polemico soprattutto due visioni del lavoro: la prima di natura economica, per la quale il lavoro è l’unità di misura del valore di ogni oggetto e prestazione; la seconda di natura giuridica, per la quale il lavoro è un diritto fondamentale. Alle teorie del “valore-lavoro” e del “diritto al lavoro” l’intellettuale casertano risponde con argomentazioni pratiche e di natura liberista, volte a smontarne i presupposti.

L’antologia dei testi è anticipata da un saggio introduttivo di Gianmarco Pondrano Altavilla.

Gianmarco Pondrano Altavilla e` presidente del Centro di studi storici, politici e sociali “Gaetano Salvemini”, nonche´ coordinatore dell’“Archivio storico del Sannio – Rivista di studi storico-politici”. Autore di numerosi saggi dedicati prevalentemente al pensiero liberale, collabora con diverse testate giornalistiche e con Radio Radicale, per la quale conduce la rubrica culturale “Italiani per sbaglio”.

(Tratto da BrunoLeoni.it)